Demo Active

Il proverbio (dal latino proverbium) è una massima che contiene norme, giudizi, dettami o consigli espressi in maniera sintetica, molto spesso in metafora e in rima, e che sono stati desunti dall'esperienza comune. Essi generalmente riportano una verità (o quello che la gente ritiene sia vero): si dice infatti che i proverbi sono frutto della saggezza popolare o della cosiddetta "filosofia popolare", ma v'è chi sostiene che altro non siano che la versione codificata di luoghi comuni o del senso comune. Possono contenere similitudini. Metafore o similitudini sono tratte da usi, costumi, leggende del popolo nella cui lingua è nato il proverbio. Ma molti proverbi sono comuni a più lingue diverse.

Mia madre che ha in braccio il mio nipotino Emanuele Mia madre che ha in braccio il mio nipotino Emanuele

In genere si raccolgono e si studiano in quanto patrimonio culturale, testimonianza di epoche passate, sopravvivenza di esperienze un tempo importanti. Lo studio dei proverbi si chiama paremiologia.

Nel corso della mia vita ho sentito tanti detti, un'infinità di proverbi, modi di dire, citazioni famose. Ormai anch'io ne faccio uso ricorrente, quasi senza accorgermene, sicuro che menti illuminate del passato, con il loro sapere o con la loro esperienza, possano guidarmi attraverso le loro parole. A volte, in una particolare situazione, facilmente mi tornano in mente.

Ho cercato di raccogliere in questa pagina quell'infinità di aforismi, citazioni, frasi famose, proverbi, detti popolari, che sono riuscito a ricordarmi. Li ho tradotti secondo la mia interpretazione, basata sulla mia conoscenza ed esperienza di vita popolare. E' mia madre che me li ha inculcati. Fin da piccolo io l'ascoltavo ed ora, dentro i miei ragionamenti, spunta spesso un "modo di dire" che trova le radici in ciò che mi è stato trasmesso dai tempi dell'infanzia.

Ve li racconto uno a uno, a modo mio, tutti quelli che sono entrati poco alla volta nella mia vita.

# Pscatur e nghiapp' auciedd fann li figl povriedd # I genitori perdono tempo ad acchiappare pesci e uccelli e i figli non hanno nulla da mangiare

# Quann lu ciucc nun bol vev, hai voglia r frusc'culià # Quando una persona non ti vuole ascoltare, è inutile insistere per fargli capire le cose

# Nun pozz i' a la chiesa ca sò zuopp, m n vac a la cantina chian chian # Ognuno di noi è disposto a fare sacrifici solo per ciò che ama veramente

# Pur li pulc ten'n la tossa # Parlano pure le persone più insignificanti

# La pegg rota lu carr strizzca # Mettere i bastoni tra le ruote

# A lavà la cap a lu ciucc ng pierd acqua e sapon # E' inutile parlare con gli stolti, non ti ascoltano e pensano di essere loro i migliori

# Li cchiù fessa sò semb li prim a parlà # Più una persona non ha competenze e più cerca di entrare in tutti i discorsi

# Senza sold nun s cantan mess # Senza soldi non si cantano neppure le messe, perchè i soldi servono eccome per ogni cosa

# Quann lu Signor nzerra na porta, apr nu purton # Quando Dio chiude una possibilità, ne apre un'altra più grande. Questo vale anche quando finisce una storia d'amore

# La femmna quann s spusa nasc e mor # La donna quando si sposa cambia casa e quindi deve abituarsi alle regole (non scritte) della nuova famiglia

# L'uommn spusat a la fun s'è attaccat # L'uomo sposato si è legato con una corda

# E' pers Flipp e lu panar # Hai perduto tutto: l'amico (Filippo) e il paniere. La vita è fatta di scelte e quando non si fanno perchè si vuole tutto, si rischia di perdere tutto

# Chi tropp vol nulla stringe # Nella vita bisogna accontentarsi, perchè chi vuole troppo, rischia di non avere niente 

# Cu a vocca chiusa nun trasn mosc # Con la bocca chiusa non entrano mosche. La vita ci insegna che talvolta è meglio tacere

# L'albr pecca e la foglia secca # La mamma e il papà fanno gli errori e i figli ne pagano le conseguenze

# Si lu ciucc nun fac la cora a tre ann, nu la fac chiù # Se non si riceve la giusta educazione fin da piccoli, è difficile acquisirla in età adulta

# Chi nasc piecur scannat mor # Chi nasce pecora va a finire in pentola. Il destino è segnato fin dalla nascita

# Chi nasc tunn nun pot murì quadrat # Chi nasce con una propria indole, non riesce a cambiarla tanto facilmente nel corso della propria esistenza

# Si nasc furtunat, jettat a mmare, ca lu mar t caccia for # Se nasci fortunato, buttati a mare, tanto il mare ti ricaccia sempre fuori, non corri il rischio di affogare

# T'aggia mbarà e t'aggia perd # Prima ti devo istruire e poi ti devo perdere, detto in segno di sfida

# Scriv e mitt 'ncore, quann è tiemb cacci for # Conserva e tienilo in cuore, al momento opportuno tiralo fuori. Noi siamo come i pugili, a volte incassiamo, ma appena abbiamo la possibilità - le diamo pure (metaforicamente)

# Quann si incudine statt e quann si martiell vatt # Quando sei incudine resisti e quando sei martello dacci dentro. Ci sono varie fasi nella vita, in alcune circostanze si è costretti a subire, in altre ci si può prendere delle rivincite

# Nun s sap ten tre cicr mmocca # Non sa tenersi tre ceci in bocca. Non è capace di tenere un segreto

# E' lu' supierchi ca romb lù cupierchi # Ciò che è superfluo fuoriesce dallo scatolo e rompe il coperchio. Alcune persone danno più importanza alle cose superficiali e poi si trovano in difficoltà

# Mbrond nun teng scritt mica Giocond # In fronte non tengo scritto Giocondo, non sono mica scemo

# La femmna è com a la cambana: si nun lu tuculeja nun sona # La donna è come la campana: se non lo tocca non suona. Questa è un pò sporca

# Li tre brilland s n tiran quaranda # Se piove durante i primi 3 giorni di aprile, per i successivi quaranta giorni pioverà

# La carn fac carn, lu vin fac sang e la fatica fac jettà lu sang # La carne fa carne, il vino fa sangue ed il lavoro fa buttare il sangue

# Ress lu cacciator nbaccia 'a la quaglia: cchiù auto vaj e cchiù l'azzuopp pigli # Disse il cacciatore alla quaglia: più in alto vai e più rischi (chi è in alto è un bersaglio più facile da colpire)

# Pur lu add t fac l'uov # Pure il gallo ti fà l'uovo (si dice di una persona molto fortunata)

# T'ha fatt la sringa # Ti ha fatto una siringa, ti ha fregato

# Chi poc ten, car ten # Chi ha poco, quel poco che ha se lo tiene caro

# Pozza murì r truon a chi nun piac lu bbuon # Possa morire fulminato, chi non ama le cose buone

# Amic e pariend nun c accattà e nun c venn niend # Da amici e parenti non comprare e non vendere niente

# E’ muort’ lu criatur, nun sim chiù cumbar # E’ morto il bimbo, non abbiamo più nulla in comune

# Li ciucc s’appizzcan e li varil s rombn # Gli asini litigano ed i barili si rompono

# Chi bell vol parì, guai e pene adda patì # Chi bello vuol sembrare, guai e pene deve soffrire

# S chior na porta e s’apr nu purton # Si chiude una porta e si apre un portone

# Amor verac, prima s’appiccica e po’ s fac pac # Quando l’amore è vero, prima si  litiga e poi si fa pace

# Vol l'uov munnat e scucchiulat # Vuole l'uovo bello e pulito. Vuole che sia già tutto bello e fatto, in modo che lui non deve fare niente 

# Jetta la preta e accuva la man # Butta la pietra e nasconde la mano.

# La gatta pp j r pressa, fec li figl c'cat # La gatta per fare presto, fece i figli ciechi. Non bisogna andare mai di fretta perchè altrimenti si rischia di fare le cose sbagliate, bisogna sempre prendersi il tempo giusto

# I torn ra lu muort e vui rcit ca è viv? # A chi volete prendere in giro?

# La carna sotta e li maccarun ngoppa # Quando le cose vanno al contrario di come dovrebbero andare

# Li sold fann vnì la vista a li c'cat # I soldi fanno miracoli

# Lu pesc puzza ra la cap # Se e quando le cose non vanno, le responsabilità principali sono sempre di chi comanda (il capo, il dirigente)

# A lu figl mup la mamma lu capisc # La mamma riesce sempre a comprende il figlio muto

# Chi t sap t'apr # Chi ti conosce ti viene a rubare

# A criatur nun prumett e a Sant nun fà vot # Non fare promesse ai bambini e non fare voto ai Santi

# Scarta frusc ca ven prmera # E' come passare dalla padella alla brace

# Ress lu pappc a la noc, ramm tiemb ca t sprtos # Chi è determinato, prima o poi riesce a raggiungere i suoi obiettivi

# Senza lu fessa lu dritt nun pot campà # I furbi approfittano sempre della bontà dei più ingenui

# Lu lup perd lu pil ma lu vizi è semb chir # Certe persone promettono di cambiare ma alla fine ci fregano sempre

# Attacca lu ciucc addò vol lu patron # Ci son persone con le quali non riesci a ragionare e conviene accontentarli se vogliamo evitare di sprecare il nostro tempo

# Cu l'accetta r lu cumbar s spaccan pur r pret # E' troppo facile giudicare gli altri quando noi siamo dall'altra parte della barricata

# Fà bben e scordat, fà mal e pensac # Il bene che si fà non deve essere sbandierato ai quattro venti e quando ci capita di fare qualche azione negativa è meglio fermarci a riflettere su quello che abbiamo fatto

# A acn a acn s fac la macna # Poco alla volta si costruiscono i nostri progetti di vita

# Lu ciucc tand avandat s'è arrddutt a carrià pret # Una persona stimata e riverita nel corso della propria vita può cadere in disgrazia

# Lu sazi' nun crer a lu riun # Chi sta bene ha difficoltà ad immedesimarsi in chi si trova a vivere una condizione di disagio

# Lu puorc quann è sazi' mmoccla lu avt # Quando una persona non ha più stimoli, smette di fare e di pensare

# Mitt't cu chi è megl r te e pierdc r spes # Cerca di frequentare le persone da cui puoi prendere insegnamenti nella vita

# Si a ogn preta vò mett lu per, nun arriv chiù a la casa # Non fissarti su tutto. Cerca di farti scivolare via le cose, altrimenti non vivi più

# Li pariend so com a li stval, chiù stritt so e chiù t fann mal # In alcune famiglie o forse in tutte, ci sono alcune persone che mettono gli interessi economici davanti a quelli affettivi

# Luntan ra l'uocchi', luntan ra lu cor # In amore la distanza fa affievolire il desiderio nel partner

# La addina fac l'uov e a lu add li vruscia lu cul # Si lamenta chi meno si dovrebbe lamentare

# Chi mor cu li fung, è fessa chi lu chiang # E' ridicolo morire per aver mangiato funghi velenosi

# La fatia r la festa nun t cauza e nun t vest # E' meglio non lavorare nei giorni di festa. Si rischia di vanificare tutto il lavoro svolto, perchè spesso e volentieri qualcosa va storto

# T leva r mazzat ra inda r man # E' una persona talmente presuntuosa da farti venire la voglia di prenderla a schiaffi

# Caurar cu caurar nun s tengn # Due persone che fanno parte del mondo della politica si scambiano i favori e fanno attenzione a non ostacolarsi mai per non arrecarsi un danno reciproco

# La matnata acconza la jurnata # Tra i contadini è ancora vivo questo detto. In sostanza il grosso del lavoro si fa di mattina. Poi si va a pranzo e tutto quello che esce dopo pranzo è tutto guadagnato, è valore aggiunto

# Tre so l'onnipotend: lu papa, lu rre e chi nun ten niend # L'onnipotenza appartiene a tre categorie di persone: il Papa, il Re e il nullatenente. I primi due sono ricchi, l'ultimo in quanto povero è onnipotente perchè non ha nulla da perdere 

# La vita è na rota ca ggira # Me lo diceva mia madre quando ero piccolo per farmi capire che quella cosa che mi stava spiegando l'avrei potuta capire solo in futuro

# Munn è stat e munn è # Certe cose si ripetono all'infinito

# Ogn munn è pais # Ci sono alcune cose che succedono dovunque

# S fac viecchi e s caccian li rfiett # Col passare dell'età si diventa saggi ma aumentano anche i difetti

# Si cant nun port la croc # Non si può pensare di fare due cose importanti contemporaneamente e pretendere di farle anche bene

 

Informativa

X

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa sulla privacy e i termini e condizioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.